Il Caso Cittadella: il bambino conteso dai genitori.

Caso Cittadella, bambino conteso dai genitori.Il questore di Padova difende l’operato dei suoi uomini, in merito alla vicenda del bambino trascinato con la forza dalla scuola. “Hanno fatto quello che dovevano fare: non sono stati i poliziotti a trascinare per i piedi il bambino, ma il padre” dice. Se a tirarlo era il padre, il tizio pelato che teneva il bambino per le braccia chi era? E anche se gli agenti non hanno tirato con la forza il bambino, sono comunque assolti da quello che è successo?

Ovviamente noi abbiamo una versione parziale di ciò che è accaduto quella mattina. Non conosciamo tutti i fatti. Ma anche se il padre dovesse avere ragione, non si trattano così i figli. Era quello il modo di portarselo via? Contro la sua volontà?

Da una nota della Questura emerge che il Tribunale dei minori di Venezia ha disposto “l’allontanamento del minore dall’ambiente materno, affidandolo in via esclusiva al padre con collocamento in una comunità”. Inoltre, l’intervento presso la scuola di Cittadella è stato necessario “in quanto i tentativi esperiti in passato presso la casa materna e dei nonni non avevano avuto l’ esito sperato perché il bambino si nascondeva alla vista degli assistenti sociali e del personale sanitario intervenuti”.

[http://www.youtube.com/watch?v=RFrpIYgQ5fY]

L’ispettrice di polizia che ha coordinato il prelievo del minore è stata minacciata e su internet si è gi scatenata la caccia alle streghe. La mia opinione è che non si può cadere nell’estremismo opposto – pratica assai diffusa quì in Italia – minacciando l’ispettrice. Non riusciamo mai a vedere il confine nei comportamenti umani, ci lasciamo trasportare dal sentimento comune del momento, e ci conformiamo alla massa. Siccome quelle che abbiamo visto sono brutte immagini e sui social network si scatenano campagne virali a chi dice la sua in chiave ironica, riflessiva, aggressiva e quant’altro, allora ci sentiamo autorizzati a prendere iniziative personali. Questo secondo me è sbagliato.

Be Sociable, Share!

About Simone Spaccarotella